Rassegna Stampa

9 Giugno 2021

Scuola, il progetto dell’Egrib con gli istituti comprensivi di Bella, Atella, Rapone e Ruvo del Monte

BELLA – “Il rifiuto torna in vita per tutelare la vita”. E’ questo il titolo del progetto dell’Egrib (Ente di Governo per i Rifiuti e le risorse idriche della Basilicata) presentato (ieri ndr) in modalità online dagli istituti comprensivi di Bella (capofila) e Atella a cui hanno lavorato anche i plessi scolastici di Rapone e Ruvo del Monte in collaborazione anche con i Comuni di Bella, Atella, Rapone e Ruvo del Monte.

Un evento importante per sensibilizzare sulla tutela e la salvaguardia dell’ambiente che ha impegnato in questi mesi, tra tante difficoltà legate al Covid, i ragazzi nella realizzazione di diversi contenuti multimediali per raccontare le “brutture” causate dall’inciviltà dei comportamenti umani. Gli alunni, unitamente ai docenti e alle famiglie, hanno realizzato anche dei manufatti ricavati dai rifiuti per dare un chiaro messaggio al mondo per dare nuova vita ai rifiuti, perché rappresentano una preziosa risorsa per il futuro del pianeta. Alcuni di questi sono serviti anche per fare una raccolta fondi. Non sprecare alcuna risorsa è il chiaro imperativo per tutti.

Ad aprire i lavori dell’incontro è stata la responsabile dell’Egrib Anna Lanza che si è complimentata con tutte le scuole partecipanti. “E’ stato fatto un grande lavoro – ha affermato Anna Lanza – e vorrei congratularmi con tutti i dirigenti scolastici, docenti e ragazzi e tutte le amministrazioni per i risultati raggiunti”.

A moderare l’incontro online è stata la docente Rosanna Leone referente per il progetto dell’Ic Bella insieme alla docente Maria Teresa Cianciotta. “Questa progettualità è stata una bella esperienza – ha dichiarato Rosanna Leone – in quanto l’obiettivo è stato quello di accrescere un maggiore senso civico per tutelare l’ambiente”.

Referente del progetto per l’Istituto comprensivo di Atella e per le sedi di Ruvo del Monte e Rapone è stata la docente Rosanna Pace. Per la dirigente scolastica Viviana Mangano dell’Ic di Bella: ”E’ il quarto anno di questo progetto – ha dichiarato la dirigente Mangano – e vorrei fare i complimenti a tutti per questo lavoro coinvolgente sperando in futuro di poterlo svolgere in presenza”.

Presenti anche la dirigente scolastica Silvia Lepore (Ic di Atella), il sindaco di Bella Leonardo Sabato, Felicetta Lorenzo, sindaco di Rapone, Pasquale Dintrono assessore al Turismo di Atella, Angela Carlucci (vice sindaco di Bella) e Giulia Cristiano (assessore all’Ambiente di Bella).

Collegati in modalità telematica anche le classi dei vari istituti scolastici coinvolti insieme ai loro docenti. Hanno partecipato anche diversi genitori degli allievi.

Un progetto che sa di speranza per un futuro sostenibile, responsabile e più green.

tratto da: ilmattinodifoggia.it

Ultimi articoli

News 26 Maggio 2022

‘Non sei mai troppo piccolo per fare la differenza’

Nella scuola di oggi sono diventati all’ordine del giorno temi che in precedenza erano lasciati alla discrezionalità del docente: biodiversità, preservazione del territorio e del patrimonio culturale, raccolta differenziata e riciclo, cambiamenti climatici e inquinamento, energie rinnovabili e consumi eco-sostenibili.

torna all'inizio del contenuto